Contemporary Books

  • European Muslim

    Sold By: Al Hikma

    di Tariq Ramadan

    “L’elaborazione di Tariq Ramadan, rigorosa nel metodo e fedele alle fonti, è illuminata da una grande capacità di coinvolgimento spirituale ed emotivo. In essa abbiamo ritrovato molti dei nostri dati di partenza e la concreta speranza che sia possibile essere musulmani in Europa, senza dover necessariamente assumere, per rimanerlo, categorie culturali e di pensiero del tutto estranee alla Weltanschauung islamica”. (dalla prefazione di Hamza Roberto Piccardo)

    Studio delle fonti islamiche alla luce del contesto europeo.
    Un testo fondamentale per lo sviluppo e l’inserzione della nostra comunità in Europa
    340 pag. Città aperta edizioni

    Sold By: Al Hikma

    European Muslim

    12,00
  • Miracle in Baghdad

    Sold By: Al Hikma

    di Hamza Roberto Piccardo

    Un miracolo, nell’Iraq martoriato dalla guerra e dai terrorismi.
    Un derviscio italiano, un poverello di Allah, diventa mitico diplomatico e riesce a convincere alla pace tutti gli iracheni.
    Nasrallah e Chavez, Mandela e Al Qaradawi, i Fratelli Musulmani e il Governo turco diventano gli sponsor e i garanti di questo accordo interconfessionale e interetnico che farà del Paese mediorientale, ricostruito grazie alla riappropriazione del petrolio, un’isola di concordia nella regione.

    Hamza Roberto Piccardo descrive un cammino ruotante e avvolgente di pace e di solidarietà, davvero simile alla danza dei dervisci mewlevi: una marea di pace e di libertà che avanza con un ritmo incalzante e travolgente ma al tempo stesso pacifico, un ritmo che ricorda da vicino le marce ghandiane…
    Franco Cardini

    Le pagine che seguono estrinsecano un vissuto, una sensibilità, anche dei dolori, delle esperienze penose e, sempre, lo sforzo (il jihad) di ricominciare ogni volta, di non fermarsi, di non tradire, di proteggere la fede, di amare, di resistere e di agire per il bene di tutte le creature.
    Tariq Ramadan

    Edizioni Al Hikma, Imperia, aprile 2008
    140 pag. Con 20 illustrazioni

    Sold By: Al Hikma

    Miracle in Baghdad

    7,00
  • Tawhid – Perspectives of Islam in the former USSR

    Sold By: Al Hikma

    L’autore di questo libro è un autorevole esponente dell’Islam “ex sovietico”. (…) Oltre che uomo di azione politica, Dzemal’ è uomo di profonda e vasta conoscenza, che unisce ad un ricco patrimonio intellettuale islamico una cultura di tipo europeo di gran lunga superiore alla media. (…) Nella prima parte, il libro presenta alcuni saggi di contenuto dottrinario di alto livello, il cui valore consiste, tra l’altro, nell’uso di un linguaggio incisivo, evocativo e non banale. Nella seconda parte, troviamo invece articoli di battaglia apparsi sulla stampa musulmana in lingua russa e turca. (…) La raccolta si chiude con un’intervista rilasciata a Shamil Sultanov, politologo e polemologo d’origine turco-tatara (lui stesso membro del Partito della Rinascita Islamica), nonché redattore di un periodico d’orientamento “eurasiatico” che è fortemente solidale con l’Islam e ha pubblicato più volte gli interventi di Dzemal’.

  • ISLAM AND DEMOCRACY – The Muslim Brotherhood in Egypt

    Sold By: Al Hikma

    di PAOLO GONZAGA

    Non si può comprendere pienamente l’Egitto moderno e contemporaneo senza conoscere il movimento popolare dei Fratelli Musulmani, fondato alla fine degli anni ’20 da un insegnante molto carismatico, Hassan Al Banna. Il movimento dei Fratelli Musulmani è sempre stato molto attivo a livello educativo e sociale, oltre che politico, creando reti di contropotere e guadagnandosi le simpatie di vaste fasce di popolazione. Ciò che li ha tenuti sempre in vita è stato l’aver fronteggiato la repressione di governo anche grazie ad un apparato strutturato, che li rende oggi l’unico movimento realmente organizzato in Egitto e in tutto il mondo islamico, incluso quello dell’emigrazione in Occidente.

    Un testo importante attualissimo in questa nuova fase di repressione successiva al recente colpo di Stato militare che ha interrotto il processo democratico che l’Egitto aveva iniziato a percorrere.

     

    128 pagine

  • Sign Iraq trenches of Eurasia

    Sold By: Al Hikma

    Tiberio Graziani intervista p. Jean-Marie Benjamin

    Prefazione di Enrico Galoppini. Seguito da «L’asse e l’anaconda. L’Iraq di fronte alla conquista dell’Eurasia» di Carlo Terracciano.
    Ecco un libro che ci voleva, breve ma intenso, che chiarisce in modo preciso i punti fondamentali per rendersi conto di ciò che succede realmente nel Golfo Persico e di come si muove la politica internazionale, grazie anche ad un’ottima prefazione di Enrioco Galoppini, che illustra la figura del prete francese, e ad un saggio di Carlo Terracciano dal titolo “L’asse e l’Anaconda. L’Iraq di fronte alla conquista dell’Eurasia”, utile corollario per comprendere appieno ciò che dice lo stesso padre Benjamin. (L’Erroneo, n. 29, 31 marzo 2003)

    Pag. 124

  • Fear of Islam

    Sold By: Al Hikma

    Perchè l’Islam incute paura? Perchè i riti e i principali aspetti della religione islamica non vengono compresi?

    La risposta a queste domande risiede nel Passato come nel Presente e, come accade fin troppo spesso, solo la conoscenza di ciò che ci è ancora oscuoa può aiutarci a comprendere una realtà che, nella sua vera essenza, ci è più vicina, per similitudini, di quanto immaginiamo (dalla IV di copertina).

    di Zahoor Ahmad Zargar e Renata Rusca Zargar, Caravaggio Editore, 138 pag.

    Sold By: Al Hikma

    Fear of Islam

    10,00
  • From fashion shows to an Italian Muslim veil …

    Sold By: Al Hikma

    Aicha si racconta e racconta la vicenda che l’ha portata all’Islam, un percorso di emozioni, riflessioni e studio. La moda, le sfilate, il mondo vacuo dell’apparenza svanisce in un incantamento che via via si radica e si approfondisce in una nuova consapevolezza e nella volontà di testimoniarla con energia e coerenza.

    Così la donna immagine diventa persona vera e cosciente delle sue responsabilità e dell’universo spirituale che Allah Altissimo le ha riservato.

    Oggi, fiera del suo hijab, è soggetto attivo e volitivo nell’appello all’islam ( da’wa).

    di Cinzia Aicha Rodolfi

     

  • Il puzzle del derviscio

    Sold By: Al Hikma

    di Hamza Roberto Piccardo

    …Vi è un invito silenzioso e pudico, come è nella sua indole di scrittore, quello di riconsiderare la nostra esistenza occidentale, di recuperare il nostro retroterra culturale, il nostro Umanesimo, ricostruire un Andalusia moderna, libera, dove le scienze non erano separate né dalla sapienza né dalla fede, così come non lo erano l´oriente e l´occidente, l´ebreo ed il cristiano.

    …le pagine di questo libro sono il racconto di un progetto, condotto da musulmani, e non solo, finalizzato a valori di giustizia, di equità sociale e di concordia per l´edificazione laica di una società migliore, dove ogni bambino, ogni donna e ogni uomo abbiano i mezzi per sviluppare tutte le possibilità che il Creatore ci ha conferito. (dall’introduzione di Elvio Arancio)

    © Edizioni Centro Studi Europeo Ibn Sina 2005

    pag. 160.

  • Palestinian resistance Poets

    Sold By: Al Hikma

    “…innalzarono i cuori sulle mani” (a cura di F. Al Jaramneh e A.Tailakh).
    Le poesie di Ibrahim e Fadwa Tuqan, di Abderrahim Mahmud, di Abdelkarim Al Karmi, Samih el Qasim, Mahmud Darwish, le grida e i pianti di una terra occupata, di un popolo oppresso da oltre cinquantanni.

    64 pag. Ed. Al Hikma

  • Ode to the Red (poems)

    Sold By: Al Hikma

    Canto maghrebino di Hamza R. Piccardo

    “Ah, se tu vedessi questa luna,
    poco più di un filo
    fa di un cielo un sogno
    Sotto una pietra rovente
    se ne stava, comunque all’ombra,
    uno scorpione.
    Non per timore del sole:
    per ritegno del suo colore,
    in quella luce assoluta”.

    Se l’ermetismo ha preceduto di quasi un secolo l’era del sms, è certo che il telefonino ha dato strumento tecnologico alla sua sintesi.
    Senza taccuino e penna, il pollice danza veloce sulla tastiera e descrive immediato situazioni ed emozioni che una rete invisibile trasmetterà e una memoria elettronica conserverà.

    Piccardo vive la “sua” Marrakech e il Marocco d’intorno, l’oceano e l’Atlas, dall’interno di un amore sconfinato per quella gente e quella cultura che islamicamente condivide da un trentennio.

    Ora “liberodiscrivere” ha trasformato quei pixel in inchiostro, gli ha dato supporto altro che un minuscolo schermo e ne ha fatto libro.

    80 pag.

  • Rivoluzione islamica e i rapporti di classe

    Sold By: Al Hikma

    di Alessandro Mantovani 

    Afghanistan – Iran – Iraq

    Questo saggio colma una lacuna piuttosto grave nello studio della realtà di tre paesi segnati, tra il XX secolo e l’inizio del XXI, da conflitti e movimenti sociali di forte intensità. Basandosi essenzialmente su fatti e documenti e su una lettura non omologabile a schemi corrivi, esso riporta anche in scena quella sorta di “convitato di pietra” rappresentato dalla classe operaia e dai suoi partiti, tradizionali e no, in Iran e Iraq soprattutto: riaffiora così una sezione importante di società che un certo pregiudizio occidentale e una conseguente approssimazione giornalistica hanno relegato in modo del tutto virtuale ai margini dei processi politici, soltanto perché queste forze non rientravano negli schemi della facile notizia, tutta consegnata alle insorgenze islamiche. L’analisi e le tesi dell’autore si possono non condividere, in tutto o in parte, ma aprono un vasto campo di discussione, fornendo strumenti di conoscenza e riflessione sulla condizione di paesi in cui “i tavolini si sono già messi a ballare”.

    Indice:

    Premessa (Corrado Basile) – 1. Marxismo occidentale e islamismo – 2. Per una corretta valutazione dei movimenti sociali nei paesi non occidentali – 3. Elementi storici ed economici della situazione afghana – 4. Il caso dell’Iran – 5. Iraq: caos o rivoluzione? – 6. Il mondo islamico verso la rivoluzione “popolare” – Appendice I. La costituzione iraniana – Appendice II. Sulla storia del movimento comunista in Iran e Iraq dalle origini ad oggi – Postfazione. Rivoluzione, Islam e globalizzazione

    244 pagine

  • The Fourth World War

    Sold By: Al Hikma

    …la terza guerra mondiale (1945-1991) ha visto la vittoria
    del modello di capitalismi globalizzato liberale, largamemente
    postborghese e post-proletario la cui proiezione culturale è
    stata definita postmodernismo) sul modello del comunismo
    storico novecentesco del Partito-Stato. Il comunismo è stato
    dissolto dall’interno attraverso una controrivoluzione socioculturale
    dei nuovi ceti medi in ricolta contro la proletarzzazione forzata
    imposta da un dispostismo sociale egualitario.
    Siamo oggi però, all’interno di un nuovo orizzonte d’epoca, quello
    dela quarta guerra mondiale. E’ possibile non prendere posizione,
    o prendere posizione da una parte o dall’altra.
    Chi scrive ha scelto il suo campo: contro il nuovo impero USA
    basato su un odioso messinismo interventista.

    Costanzo Preve (1943) è scrittore e saggista, autore di studi
    pubblicati nelle maggiori lingue europee.

    Edizioni all’insegna del veltro
    192 pag.

    Sold By: Al Hikma

    The Fourth World War

    20,00
  • The Islamic Reformation

    Sold By: Al Hikma

    Un secolo di rinnovamento musulmano”
    di Tariq Ramadan

    Si afferma spesso che l’Islam non ha ancora conosciuto il suo rinascimento, che al mancato sviluppo economico di molti paesi musulmani si accompagna il rifugio nel tradizionalismo, nel quale si radicano spesso le tendenze integralistiche.
    Questo libro è dedicato al pensiero e all’esperienza dei movimenti, poco conosciuti in Occidente, che, senza abdicare ai principi dell’Islam, hanno raccolto e raccolgono la sfida della modernità, la sfida di vivere in sintonia con la propria epoca.
    In particolare, viene presa in considerazione la corrente dei Fratelli Musulmani, la più importante e diffusa corrente di pensiero del riformismo islamico. Pur avendo subito durissime campagne di repressione, in conseguenza delle quali si sono staccate frange che hanno accettato il terreno dello scontro armato, essa rimane un punto di riferimento per qualsiasi iniziativa di rinnovamento in senso liberale e democratico.

    pag. 480

  • The Integrity Islam – Neither fundamentalism nor integration

    Sold By: Al Hikma

    “Secondo Ibn ‘Arabi, l’intensità nell’amore di Dio e la pratica della Religione provengono dalla forza inerente alla sincerità della fede, e alla convinzione incrollabile dei credenti espressa nel tasawwuf con il termine sidq.
    Il sidq tradizionalmente viene definito come la spada di Allah (sayfu-llahi) sulla terra. Questa nozione è legata a quella di ‘grande guerra santa’
    (al-gihâdu l-akbar), la guerra interiore che l’uomo deve condurre “contro i nemici che porta in se stesso”. Questa spada invisibile simboleggia la forza dell’Islam. Per il mondo moderno essa è il nemico più preoccupante, perché nessuna forza materiale, nessun condizionamento psichico può prevalere su di essa. I Musulmani sono in una situazione di guerra per il semplice fatto che essi esistono. Vengono considerati come dei fanatici perché sono Musulmani, e perché la loro fede in Allah è più forte di tutte le altre credenze, siano essere veritiere e tradizionali oppure menzognere e profane. Ciò che si rimprovera loro in realtà è la loro sincerità e la loro fedeltà all’alleanza divina, contro la quale il modernismo si è eretto ed è insorto.”

    di ‘Abdu r-Razzâq Yahyâ (Charles-André Gilis): edizione italiana a cura della Casa della Pace di Pavia, pag. 95

  • Towards Gaza – The saga of the Freedom Flotilla

    Sold By: Al Hikma

    31 maggio 2010. È ancora buio quando una spedizione internazionale che porta aiuti umanitari alla Striscia di Gaza viene attaccata da incursori israeliani. In acque internazionali.
    Il bilancio è di nove morti e numerosi feriti.
    L’Autrice era l’unica donna italiana della Freedom Flotilla.
    In questo libro ci racconta quegli eventi, la preparazione e i protagonisti dell’operazione, i giorni di prigionia.
    E di come il tragico esito di quel tentativo abbia raddoppiato la determinazione di partire nuovamente in soccorso ai palestinesi di Gaza.
     

    di Angela Lano

    Prefazione di Enzo Jacopino
    Introduzione di Mohammad Hannoun
    Postfazione di Janet Kobren

     

  • The Evolution Deceit (Harun Yahya)

    Sold By: Al Hikma

    Prefazione del prof. Giuseppe Sermonti

    Finalmente svelata la più grande truffa della storia della scienza…
    Qualora si considerino attentamente i media occidentali, ci si imbatterà frequentemente in informazioni concernenti la teoria dell’evoluzione. Le organizzazioni che ne hanno il controllo e riviste famose e “rispettabili” periodicamente si occupano della questione. Se si esamina il loro approccio, se ne ricava l’impressione che questa teoria sia un fatto assolutamente provato, che non lascia spazio ad alcuna discussione.
    La notizia più comune di cui si servono è che la catena dell’evoluzione è stata completata dalla recente scoperta dell’ “anello mancante”. In questo genere di notizie un cranio ritrovato in qualche parte del mondo diventa immediatamente la prova più clamorosa che gli antenati dell’uomo assomigliavano alle scimmie.
    Leggendo questo genere di notizie l’opinione pubblica è portata a pensare che la teoria dell’evoluzione è qualcosa di certo, come le leggi della fisica. Tutti quanti percepiscono come una legge ampiamente accettata negli ambienti scientifici la teoria che afferma che la vita si è formata grazie ad una catena di coincidenze. Invece la realtà è diversa. La teoria dell’evoluzione è ben lungi da poter spiegare come è iniziata la vita. Inoltre, ogni nuovo sviluppo della biologia introduce nuove questioni che non hanno risposte adeguate e non ce ne potranno avere nel futuro.

    268 pag. oltre 100 illustrazioni, 70 a colori – di Harun Yahya

  • Al Qaeda! Al Qaeda! how to fabricate a monster in tv

    Sold By: Al Hikma

    “Benvenuti sul palcoscenico della democrazia. Al Qaeda! Al Qaeda! Come fabbricare il mostro in tv.” DirittoZero Production presenta il film-documentario tratto dal libro “Primo, non diffamare” di Luca Bauccio. Regia di Giuseppe Scutellà.

    Il capo della cellula italiana di Al Qaeda. La presidente di seggio mascherata per motivi religiosi. Il presidente della più grande psico-setta mai esistita. Il ripetitore Wind che si trasforma in un pericoloso minareto…

    Non sono personaggi cinematografici. Sono le storie che giorno dopo giorno la stampa, la televisione e la politica raccontano agli italiani. Senza ritegno per la verità delle cose. Senza rispetto per le persone che sono coinvolte. Che cosa succede nella vita di un innocente quando viene accusato di reati infamanti da un giornale? Come riesce a difendere la propria reputazione in un’aula giudiziaria? Come funziona l’industria della diffamazione e come ci si difende dai suoi prodotti? Il documentario di Giuseppe Scutellà, sfruttando l’esperienza giudiziaria di Luca Bauccio, che si occupa da anni di diffamazione, getta un po’ di luce su ciò che accade sull’altra faccia del mondo della diffamazione. Quella abitata dagli offesi e da chi ha provato a difendersi.

    I protagonisti: Beppino Englaro, Youseff Nada, Angela Lano, Hamza Piccardo, Vito Carlo Moccia, Alì Darwish, Rassmea Salah, Usama El Santawy e tanti altri ancora.

    Guarda il trailer alta risoluzione su YouTube : http://www.youtube.com/watch?v=MlwI1mOfuWI

  • “Sul terrorismo israeliano”

    Sold By: Al Hikma

    l’inconsistente interpretazione dell’ebraismo come nazionalità. L’attuazione di tale politica -perseguita per decenni, molto prima di Sharon, con l’inganno, il ricatto, la prepotenza, la violenza, l’oppressione, e sempre in un’atmosfera di intollerabile ipocrisia- ha implicato come conseguenza necessaria e puntualmente prevista una guerra di stampo razziale… Il perseguimento della linea suddetta è stato reso possibile, specialmente dopo la guerra del 1967, solo dalla capacità dell’ebraismo americano, il più numeroso del mondo, di condizionare, grazie al proprio ingentissimo peso economico e sociale, la politica di Washington.

    Editore Graphos
    Formato 15×21
    Autore Serge Thion
    Autori N. Chomsky, N. Giladi, I. Yinon, A. Weinstein
    Anno 2004
    Pagine 250

  • Islam e modernità di Sh. Abdessalam Yassine

    Sold By: Al Hikma

    Lo scopo di questo libro non è né un proselitismo sfacciato né una feroce anti-modernità come potrebbero pensare alcuni seguaci delle idee preconcette. Si tratta di un approccio notevolmente innovativo e costruttivo sulla questione della modernità. Un’originalità che si manifesta sia nella forma che nella sostanza.

    A livello della forma, il dibattito sulla modernità si fonda soprattutto sull’idea – sostenuta soprattutto dai seguaci del progressismo – che c’è un senso lineare della storia, un’idea che permette di tacciare qualsiasi critica alla modernità di lotta retrograda o di atto reazionario, nel senso peggiorativo del termine. Bisogna dire che, dall’altra parte, quest’idea è dietro ai rigetti, a volte irrazionali, che rifiutano qualsiasi progresso. Si tratta fondamentalmente di un faccia a faccia esacerbato che, purtroppo, ha sfociato certe volte nel corso della storia in lotte violente. L’autore si smarca subito da questa postura: “Porre la questione dell’Islam, non più in termini di rottura tra gli uomini, non più in termini di ostilità assoluta verso l’Occidente o scontro di civiltà, ma considerandola come una mano amica per l’uomo, amorevole dell’uomo, portatrici del Messaggio di senso e di giustizia per l’uomo.”. Per lui l’umanità non può sopportare simili conflitti, mentre la sua nave rischia di affondare. (dalla presentazione ufficiale del libro)

    pag, 260

Main Menu